English
Home TST 2017 Poliefun/Università Poliefun/Aziende Studenti Seminari Novità Newsletter Contatti Gallery Download
Siete in: Novità
Poliefun ricorda Pietro Luigi Cavallotti Poliefun ricorda il Prof. Pietro Luigi Cavallotti (spesso ci ricordava, sorridendo, che era orgoglioso dei suoi due nomi) attraverso una bella testimonianza del Prof. Massimiliano Bestetti.

Gli strati magnetici elettrodeposti in lega cobalto-platino, l’elettrodeposizione dei metalli e il parametro normalità inerzia, l’impulso secondario di corrente, il meccanismo chimico di deposizione dei film di nichel-fosforo autocatalitico,…questi erano alcuni dei cavalli di battaglia, le “fissazioni” del Cavallotti.


Era ben nota la sua fantasiosa capacità di vedere un picco in un diffrattogramma o un qualcosa di invisibile in una immagine al microscopio, anche laddove c’era solo rumore di fondo.
Le cosiddette “quantità cavallottiane”. Ma talvolta aveva ragione.

“Professore, nella micrografia SEM non si vede nulla” 
“No, guarda bene si vede che ci sono delle micro-nanostrutture che secondo me sono i cristalli di cobalto che crescono verticalmente”
“Professore, forse guardando con molta intensità e acuendo lo sforzo visivo….boh, forse si”.

Era già nanotecnologico prima ancora che questa parola venisse inventata.
Per questo motivo, per la convinzione che il “picco c’è”, ha sempre lavorato tenacemente lungo il filo conduttore delle proprie convinzioni scientifiche.

Non sono nessuno per dirlo, ma Cavallotti era un vero ricercatore, un elettrochimico dei metalli. Come lo è stato Piontelli, il padre scientifico di Pedeferri, Mazza, Cavallotti ed altri chimico-fisici ed elettrochimici del dipartimento (allora l'Istituto di Elettrochimica, Chimica Fisica e Metallurgia, poi Dipartimento di Chimica Fisica Applicata). Bei nomi! Mi mancano perché, da giovane apprendista del mestiere, quando avevo un dubbio andavo a chiedere consiglio e, per mia ignoranza, me ne uscivo con l’evanescente sensazione che mi avessero detto qualcosa di utile. Mi piaceva.

Cavallotti era un ricercatore con la mentalità del giovane ragazzo che vuole scoprire le cose. Cultura calvinista del lavoro, di Cavallotti non riuscivi ad afferrare completamente le idee, che condivideva ma in maniera non completamente chiara, un pò perché erano in divenire nella sua stessa testa e soprattutto perché ci dovevi arrivare tu con sforzo cirenaico.

Cavallotti non era uno che si imponeva. Cavallotti è succeduto parecchi anni fa ad un certo Bertorelle a capo di una associazione galvanica. Bertorelle è autore di due libroni che tutti i galvanici italiani conoscono e usano come ricettario del mestiere. Spettacolare l’incontro con un simpatico industriale galvanico che venne in dipartimento per chiedere un parere, esordendo “Buongiorno professor Bertorelle, sono venuto da lei per chiedere un parere” e Cavallotti che ci guarda e fa una smorfia. “Ci siamo detti in azienda, ma perché non andiamo dal professor Bertorelle a chiedere…” e Cavallotti che se la ride sotto i baffi, ed al termine “Grazie professor Bertorelle del parere tecnico” e Cavallotti salutandolo “Arrivederci, ma io sono Cavallotti, Bertorelle è morto diversi anni fa”. Per noi presenti fu una impresa non ridere a crepapelle.

Su molte cose non avevo sintonia con il Cavallotti. Una questione di idee e di carattere.
Ma comunque, dopotutto, grazie Cavallotti!
Massimiliano

 

Cerca
 
Home La StrutturaLo StatutoAssociarsiGli Associati TST 2017 INFORMAZIONI GENERALIPER ESPORREPER PARTECIPARESPONSOR Poliefun/Università Il Corso di laurea in Ingegneria delle SuperficiGli StudentiPlacementRicerca Laureati/Stagisti Poliefun/Aziende Attività didattica per aziendeConsulenza studi di fattibilitàProgrammi di ricerca e sviluppoAttività di ricerca laboratorio Studenti Seminari 201520142013 Novità Newsletter Contatti Gallery Seminario N1/2014Seminario N2/2014TST'17 premio Anna Da Forno Download
Sitemap
English
Ultima modifica: 3/11/2017 12:

PoliEFUN 2014 - Tutti i diritti riservati